29 Settembre 2020

Distretto Abruzzese del Benessere

IL DISTRETTO
Il 30 agosto 2005 in Caramanico Terme (PE), fra i Comuni di Abbateggio, Canistro, Caramanico Terme, Popoli, Raiano, Rivisondoli, Roccamorice, Sant´Eufemia a Majella, Salle, Scafa, Sulmona e San Valentino in Abruzzo Citeriore è stato sottoscritto un Protocollo d´Intesa per la creazione di un sistema territoriale e produttivo locale denominato ´DISTRETTO ABRUZZESE DEL BENESSERE´.

IL SISTEMA
L´iniziativa postula, in via prioritaria, l´elevazione dei territori interessati a ´sistema di eccellenza´ che i Comuni promotori dell´intesa ravvisano:
a. nel coordinamento e nell´integrazione di una rete fra gli Enti rappresentativi dei predetti territori, che rifletta i caratteri di un distretto produttivo di zona;
b. nella creazione di un sistema turistico locale, secondo i principi e i criteri desumibili dalla L. n.135/2001, che un piano di eccellenza del territorio dovrebbe attentamente considerare;
c. nella interazione pubblico-privato per la codeterminazione di programmi e progetti locali per la crescita e lo sviluppo economico.
Cooperazione con il Governo della Repubblica, con la Regione Abruzzo, con gli altri Enti Pubblici e gli Enti Locali per la realizzazione del Distretto Industriale e dei Servizi per il Benessere (Distretto Abruzzese del Benessere); esso consiste nell´organizzazione delle funzioni degli enti locali aderenti al presente protocollo d´intesa per il coordinamento delle medesime nella programmazione unitaria dei territori, al fine di creare un sistema produttivo locale integrato con un sistema turistico locale e con una rete degli operatori economici delle piccole e medie imprese nei comparti termale, turistico e delle altre produzioni collegate a questi riferite.

LE FINALITA´ SPECIFICHE
Il Distretto è dotato degli strumenti di tipo organizzativo ed amministrativo per il governo della ´filiera del benessere´, cioè dell´insieme delle unità produttive e del terziario, operanti nel territorio degli enti sottoscrittori, unitariamente considerato, assimilabili nelle forme organizzative di cui alla L. 317/1991 ed alla L.r. n. 11/1999, nella parte in cui si riferiscono ai distretti industriali. In particolare l´attività di cooperazione consiste:
a. nella formulazione di programmi di interventi o iniziative comuni, individuando uno o più temi di particolare interesse;
b. nella ricerca congiunta di adeguati finanziamenti presso gli Enti Pubblici o presso privati, sulla scorta di programmi concordati;
c. nella gestione in forma associata delle attività, secondo le procedure stabilite dal T.U.E.L.;
d. nella valorizzazione del patrimonio del termalismo e del turismo presente sul territorio;
e. nel sostegno alla circolazione e/o divulgazione delle manifestazioni promosse nei singoli Comuni.

L´ATTIVITA´ DI COORDINAMENTO
a. Il Comune di Caramanico Terme (PE) ha assunto le funzioni di Coordinamento Generale.
b. Il Comune di Sulmona (AQ) ha assunto le funzioni di Coordinamento delle attività relative allo Sviluppo del Sistema Territoriale.
c. Il Comune di Popoli (PE) ha assunto le funzioni di Coordinamento del Sistema dei Rapporti con le Unità Produttive della Filiera del Benessere.

IL CONSORZIO
I Comuni sottoscrittori del Protocollo hanno completando l´attività avviata con la costituzione della Azienda Consortile per il DISTRETTO ABRUZZESE DEL BENESSERE, nella prospettiva dell´immediato consolidamento della gestione coordinata delle relative funzioni amministrative, secondo le forme previste nel T.U.E.L., anche e in previsione della gestione del Progetto intitolato ´T.HE.A.T.E.R.´ afferente al Programma ´I.C.T. per l´eccellenza dei territori´.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio