27 Maggio 2020
Luoghi interessanti

Chiesa di San Nicola

Caramanico e dintorni
Alla fine del ´500 altri interventi interessarono l´edificio: la lapide che sormonta il portale centrale ci informa infatti che l´Arcivescovo Matteo Sammiati lo consacrò nel 1592.
Nel ´600 furono eseguiti lavori di ampliamento, come testimonia una lapide posta invece nel coro, grazie all´intervento finanziario del milanese Pietro Bottino, industriale della produzione della seta, all´epoca fiorente a Caramanico.
Un disastroso terremoto nel ´700 causò gravi danni in tutto il territorio e colpì anche la Chiesa di San Nicola. Nuovi interventi la interessarono e mutarono anche l´aspetto della torre campanaria - la svettante cuspide che la caratterizzava fu sostituita infatti da un´elegante cupoletta - ma lasciarono al suo posto una statua in pietra raffigurante S. Nicola, risalente al XII secolo.
L´imponente facciata in stile neoclassico è stata recentemente sottoposta a lavori di ripulitura, che rendono più evidente la sua maestosità. Una cornice mistilinea la corona e quattro paraste la tripartiscono.
Ai lati, due eleganti portali settecenteschi; al centro, lo splendido portale del 1592 riccamente intagliato e decorato vivacizza la controllata eleganza della facciata stessa e presenta ai lati un doppio ordine di colonne tortili impreziosite da decorazioni vegetali. Rami intrecciati e foglie d´acanto ornano anche gli architravi, insieme a volti alati di putti.
Il portale è sormontato da due nicchie nelle quali si trovano le statue di S. Pietro e S. Lucia, identificabili rispettivamente dalle chiavi e dal vassoietto sul quale sono posti gli occhi, inserite in onore di Pietro Bottino e sua moglie Lucia. Al centro la statua di San Nicola, di ignota provenienza, i cui tratti scultorei riportano ai primi anni del ´200.
All´interno la Chiesa di S. Nicola si presenta a tre navate, divise da una doppia fila di pilastri e con due restringimenti ai lati dell´altare principale, realizzati per ricavarne ambienti di servizio. Semplici cornici di ispirazione classicheggiante fanno da basi e coronamenti, mentre le volte settecentesche sono ornate da splendidi intarsi: al rigore neoclassico si sostituisce qui la grazia un po´ leziosa di riccioli e intrecci vegetali rococò.
Ai lati delle navate, altari settecenteschi ornati da stucchi e finti marmi policromi, dedicati a diversi santi e misteri: tra tutti è da ammirare il terzo altare a destra dell´ingresso, che reca una stupenda icona di stile bizantino raffigurante la Madonna del Carmine (XIV secolo). Il pulpito, pregevole opera di scuola napoletana, si presenta intagliato con eleganti fiorami dorati e inquadrati da cornici rinascimentali.
La cantoria risale al ´700. E´ realizzata in legno dorato e sul pannello centrale reca scolpiti i tradizionali miracoli attribuiti sin dall´antichità a S. Nicola. Nelle altre formelle si ripetono motivi pastorali ed altri ornamenti barocchi.
Anche questa chiesa conserva un´opera di Nicola D´Antino: si tratta della statua in legno dell´Immacolata, posta a sinistra dell´ingresso. Interessanti sono infine i due dipinti ad olio sovrastanti i due portali laterali. Sono opere del noto pittore Teodoro da Chieti e raffigurano la cacciata di Adamo ed Eva dal Paradiso terrestre (a destra, uscendo dalla chiesa) e la cacciata dei venditori dal tempio (a sinistra).



Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account